Riforma del dottorato di ricerca

Sul sito del MiUR è stato pubblicato il seguente schema di regolamento.
In questa pagina vorremmo discutere in maniera costruttiva sul testo, cercando di evidenziarne i punti di pregio e i punti che potrebbero essere suscettibili di migliorie.

Schema di regolamento recante " criteri generali per disciplina del dottorato di ricerca"

VISTI gli articoli 33 e 117, sesto comma, della Costituzione;


VISTO l'articolo 1, comma 8, del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, come modificato dalla legge di conversione 17 luglio 2006, n. 233;

VISTO l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168;

VISTO il decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica 30 aprile 1999, n. 224;

VISTO l'articolo 4, comma 2, della legge 3 luglio 1998, n. 210;

Udito il parere espresso dal Consiglio universitario nazionale in data………..;
Udito il parere del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario;
Udito il parere del Consiglio di Stato, sezione consultiva degli atti normativi, espresso nell'adunanza del……………;
Visti i pareri resi dalle competenti commissioni del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri a norma dell'articolo 17, comma 3, della citata legge n. 400 del 1988 (nota n……… del ………), così come attestata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con………, prot. n………..;
Adotta il seguente regolamento:

ART. 1 (Ambito di applicazione e definizioni)

1. Il presente regolamento disciplina i corsi di dottorato di ricerca e le relative strutture di coordinamento operanti presso le università.
2. Il corso di dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria e si svolge nelle università in coordinamento con lo svolgimento di documentata attività di ricerca di alto livello. I corsi di dottorato di ricerca istituiti da singole università, o da università tra loro consorziate, anche in convenzione con soggetti pubblici e privati in possesso di elevata qualificazione culturale e scientifica, di personale ricercatore e di adeguate attrezzature, sono organizzati dalle singole università in apposite Scuole di dottorato sulla base di modalità e criteri indicati dal presente regolamento.
3. Agli effetti del presente regolamento si intendono:
a) per regolamenti universitari, i regolamenti emanati dalle università ai sensi dell'articolo 4, comma 2, della legge 3 luglio 1998, n. 210;
b) per Ministro e per Ministero, il Ministro e il Ministero dell'università e della ricerca;
e) per rettore dell'università, il rettore della singola università o dell'università sede amministrativa del consorzio, di cui al comma 2, ovvero dell'università convenzionata con i soggetti pubblici e privati, di cui al predetto comma 2;
d) per Agenzia, l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) di cui all'articolo 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006, n. 286.

Commenti

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License